Le 3 cose che devi sapere del mestiere di scrittore

la prima cosa che bisogna sapere quando si decide di essere scrittori o si sente “l’urgenza” per così dire di darsi alla letteratura è che quei soliti quattro che vedete in televisione, che sono ricchi sfondati e sembra abbiano un’opinione su  tutto non sono i classici scrittori ma stanno agli scrittori come Renzo Piano sta all’architettura, nel migliore dei casi o in alcuni casi fortuiti non si sa cosa abbiano mai scritto ma ormai han preso il giro ad andare in TV con il sottopancia “scrittore” e ormai, è così. Tutti gli altri fanno vita grama e spesso arrotondano le entrate con altri lavori.

Seconda cosa, sarò brutale, la scrittura comporta molto lavoro e tolta la prima parte di ideazione, è tutto molto noioso. Spesso bisogna stare seduti al computer ore e ore a leggere e rileggere il lavoro.

Terzo e ultimo punto da seguire in questa scala minima delle cose che non puoi sottacere se sei uno scrittore è questo: gli scrittori non hanno fama, non affascinano donne e non danno sicurezza al partner e spesso dovrete fare i conti con la maledetta domanda: «Sì, ma per vivere che lavoro fai?». Di solito, viene scandito molto bene P-E-R  V-I-V-E-R-E.

Pensateci bene.

Buona scrittura.

Chiara Borghi