728px-Become-a-Patent-Examiner-Step-6

Come trovare il proprio stile

La cosa  più difficile è dare alla propria scrittura una forma riconoscibile, lasciare la propria firma tra ogni riga ovvero avere uno stile riconoscibile.

Ad esempio, da queste poche righe:

“L’origine di Tularecito è avvolta nelle tenebre, mentre la storia del suo ritrovamento costituisce un mito in cui gli abitanti dei Pascoli del Cielo si rifiutano di credere come si rifiutano di credere negli spiriti”

Tutti avrete riconosciuto la penna di John Steinbeck , si riconosce subito la sua vena ironica contrapposta ad un realismo scientifico sulla natura umana.

Un bravo scrittore ha una voce inconfondibile, unica, distinguibile dal coro delle voci del mondo. Il suo è un modo originale di trattare la lingua per offrire la realtà da un’angolazione inaspettata.

Come si arriva a questo? E’ una domanda da un milione di dollari. Ogni scrittore, dopo aver letto un capolavoro si chiede: “come riuscirò a fare una cosa simile?” o meglio “ne sarò mai capace?”

La risposta esatta non esiste, Bob Dylan direbbe che la risposta soffia nel vento ma secondo me non tutti hanno modo di sentirla bene nell’arco della propria vita.

Quello che vi posso dire io è che per crearsi una voce in grado di levarsi dal coro ed emettere un bel canto, in grado di rendere vive delle pagine scritte, l’unico modo è quello di leggere tanto. Leggere i grandi maestri del passato ma scegliere fra questi solo le opere che ci somigliano, in cui riconosciamo degli elementi riconoscibili, solo quelle con le quali possiamo dialogare.

Cercate di trovare uno o più maestri ai quali ispirarvi, dai quali imparare. Non abbiate timore di copiare, questo avverrà solo all’inizio del percorso, forse le vostre prime opere risentiranno dell’influenza dei vostri maestri ma, a poco a poco, voi crescerete come scrittori e i fantasmi dei vostri maestri si faranno da parte.

In quel momento, avrete trovato la vostra strada, la vostra voce, il vostro stile.

Buona scrittura